Campogrande
Umbria

Orvieto Classico DOC

Campogrande 2017 si presenta di un colore giallo paglierino. Al naso è intenso e delicato con note di fiori d’arancio, albicocca e pesca. Al palato si presenta morbido, fresco, con un finale saporito ed un retrogusto fruttato.

12°
Grado Alcolico: 12% vol.

Il Clima

2017

L’annata 2017 è stata caratterizzata da un periodo invernale-primaverile tendenzialmente asciutto e contraddistinto da importanti quanto poco frequenti cali di temperatura. Queste condizioni climatiche hanno favorito il regolare germogliamento della vite, avvenuto nel mese di marzo. L’assenza di precipitazioni e le temperature al di sopra della media stagionale, registrate a partire dal mese di giugno fino alla prima decade di agosto, hanno favorito l’anticipo della maturazione delle uve. La buona escursione termica tra giorno e notte dovuta alle piogge di fine agosto ha garantito lo sviluppo della componente aromatica delle varietà tipiche di Orvieto, come il Grechetto ed il Procanico. La raccolta, avvenuta leggermente in anticipo rispetto alla precedente stagione, è iniziata a partire dalla seconda settimana di settembre.

il-meteo

Clima
Tendenzialmente asciutto e con temperature sopra la media
2017

Uva

Raccolta
A partire dalla seconda settimana di settembre
2017

Calice

Vinificazione
la lavorazione in piccole masse, appena prima dell’imbottigliamento, ha permesso al vino di mantenersi fresco e profumato
2018

Vinificazione

Le uve, Procanico e Grechetto, sono state raccolte separatamente per poi essere diraspate e pressate in maniera molto soffice. Il mosto ottenuto è stato raffreddato ad una temperatura di 10°C, per favorirne il naturale illimpidimento, e successivamente trasferito in serbatoi di acciaio inox, dove si è svolta la fermentazione alcolica ad una temperatura non superiore a 18° C. Il vino è stato quindi conservato in serbatoi di acciaio inox ad una temperatura controllata di 10° C. La lavorazione in piccole masse, appena prima dell’imbottigliamento, ha permesso al vino di mantenersi fresco e profumato.

Campogrande_ok

Dati storici

La Denominazione di Origine Controllata ORVIETO è stata riconosciuta nel 1971 e, negli ultimi quarant’anni, ha avuto una crescita straordinaria sia quantitativa che qualitativa: l’Orvieto è oggi uno dei vini bianchi italiani più conosciuti nel mondo e rappresenta da solo circa tre quarti della produzione di vino D.O.C. dell’Umbria. L’area DOC è suddivisa in Orvieto Classico, che rappresenta la zona intorno alla Rupe di tufo su cui si trova la città di Orvieto e il suo circondario, e in Orvieto, che la completa a nord e a sud. Le componenti geologiche del territorio – di origine vulcanica – unite al favorevole e peculiare microclima che contraddistingue le valli del Paglia e del basso Tevere, sono alla base delle fortune enologiche che da tempo immemorabile sono un tutt’uno con la città. Non a caso, infatti, Orvieto è una delle poche città al mondo il cui nome coincide con quello del proprio vino di territorio.

 

o.