selezioni-casasole copia
Umbria

Orvieto DOC Classico Amabile

Casasole 2017 si presenta di un colore giallo paglierino. Al naso è intenso e caratterizzato dai tipici aromi delle autoctone varietà Procanico e Grechetto, con fresche note di frutta a polpa bianca, mela Golden, banana e sentori di scorza d’arancia. Al palato è amabile con un’ottima freschezza che ne esalta la bevibilità.

10,5°
Grado Alcolico: 10,5% vol.
Cookbook
Uva

Varietà a bacca bianca tipiche toscane

Il Clima

2017

L’annata 2017 è stata caratterizzata da un periodo invernale-primaverile tendenzialmente asciutto e contraddistinto da importanti quanto poco frequenti cali di temperatura. Queste condizioni climatiche hanno favorito il regolare germogliamento della vite, avvenuto nel mese di marzo. L’assenza di precipitazioni e le temperature al di sopra della media stagionale, registrate a partire dal mese di giugno fino alla prima decade di agosto, hanno favorito l’anticipo della maturazione delle uve. La buona escursione termica tra giorno e notte dovuta alle piogge di fine agosto ha garantito lo sviluppo della componente aromatica delle varietà tipiche di Orvieto, come il Grechetto ed il Procanico. La raccolta, avvenuta leggermente in anticipo rispetto alla precedente stagione, è iniziata a partire dalla seconda settimana di settembre.

il-meteo

Clima
caratterizzato da un periodo invernale-primaverile tendenzialmente asciutto e contraddistinto da importanti quanto poco frequenti cali di temperatura.
2017

Uva

Raccolta
Iniziata a partire dalla seconda settimana di settembre.
2017

Calice

Vinificazione
Il vino con presenza di zuccheri residui è stato filtrato e conservato a bassa temperatura fino al momento dell’imbottigliamento

2017

Vinificazione

Le uve Procanico e Grechetto sono state diraspate e pressate in modo molto soffice. Il mosto ottenuto, raffreddato a circa 10°C al fine di ottenere un naturale illimpidimento, è stato trasferito in serbatoi di acciaio inox dove ha effettuato la fermentazione alcolica ad una temperatura non superiore ai 18°C. Successivamente la fermentazione è stata interrotta abbassando repentinamente la temperatura (fino a 0°C) per preservarne il naturale residuo zuccherino. Il vino, con presenza di zuccheri residui, è stato filtrato e conservato a bassa temperatura fino al momento dell’imbottigliamento.

cASASOLE

Dati storici

Sopra un alto colle della Toscana, non distante da Siena e Perugia, sorge l’antica cittadina di Cortona. Da un lato la spaziosa pianura, dall’altro la collina e il borgo. Questa è la vista che si gode dalla nuova cantina di Santa Cristina, nata nel 2006 per confermare e rinnovarne la tradizione del suo omonimo vino, a 60 anni dalla prima annata nel 1946.
Nel tempo, Santa Cristina è divenuto punto di riferimento per gli esperti di settore, e non solo, grazie ad un impegno costante per la qualità. La cura da sempre poste nel seguire i vigneti ed il lavoro in cantina, sono state lo stimolo per continue innovazioni e per confrontarsi con varietà autoctone ed internazionali, dando vita a vini differenti ma contraddistinti dallo stesso stile artigianale, frutto di un legame indissolubile tra vigna, terroir e lavoro dell’uomo.

Casasole è l’espressione più antica dell’Orvieto: quello che dalla città papale veniva inviato alle mense dei prelati e dei nobiluomini di Roma. A differenza dell’Orvieto Classico, Campogrande, si concede ad un lieve e naturale residuo zuccherino, per presentarsi al palato leggermente amabile.