Rosato_def_sito
toscana

Toscana IGT

Il Vino si presenta di un colore rosato brillante. Al naso è caratterizzato da freschi aromi fruttati che ricordano la mora e la ciliegia con note di menta e peperone. Al palato è equilibrato, morbido, fragrante, con un retrogusto fruttato.

11,5°
Grado Alcolico: 11,5% vol.

Il Clima

2018

L’annata 2018 è stata contraddistinta da un leggero ritardo dello sviluppo della vite, recuperato a partire dal germogliamento. Le successive fasi vegetative di fioritura ed allegagione sono state regolari, favorite dalle temperature miti e dalle ottime riserve idriche accumulate durante la primavera, stagione tendenzialmente piovosa. Alle precipitazioni frequenti fino ai primi giorni di luglio è seguito un clima soleggiato fino alla metà di agosto, senza picchi di temperatura eccessivi. Gli ultimi quindici giorni del mese sono stati caratterizzati da piogge occasionali, seguiti da belle giornate caratterizzate da un aumento delle temperature a partire dal mese di settembre. Per preservare la freschezza ed i profumi caratteristici del rosato, la vendemmia delle uve Sangiovese, Cabernet e Syrah è iniziata a partire dalla terza decade di agosto e si è conclusa a metà settembre.

il-meteo

Clima
Tendenzialmente fresco
2018

Uva

Raccolta
La vendemmia delle uve Sangiovese, Cabernet e Syrah è iniziata a partire dalla terza decade di agosto e si è conclusa a metà settembre
2018

Calice

Vinificazione
L’imbottigliamento in piccoli lotti permette di ottenere un rosato sempre fresco e fragrante
2018

Vinificazione

All’arrivo in cantina i grappoli sono stati diraspati, pigiati e pressati in maniera soffice. Il mosto ottenuto è stato raffreddato ad una temperatura di 10°C in serbatoi di acciaio inox a temperatura controllata per favorirne il naturale illimpidimento. La fermentazione alcolica è stata condotta ad una temperatura non superiore ai 15°C. Il vino è stato poi trasferito e conservato in serbatoi di acciaio inox ad una temperatura di 10°C, per preservarne la componente aromatica. Le lavorazioni in piccoli lotti poco prima dell’imbottigliamento hanno permesso di ottenere un rosato sempre fresco e fragrante.

Rosato_ok_def

Dati storici

Sopra un alto colle della Toscana, non distante da Siena e Perugia, sorge l’antica cittadina di Cortona. Da un lato la spaziosa pianura, dall’altro la collina e il borgo. Questa è la vista che si gode dalla nuova cantina di Santa Cristina, nata nel 2006 per confermare e rinnovarne la tradizione del suo omonimo vino, a 60 anni dalla prima annata nel 1946. Nel tempo, Santa Cristina è divenuto punto di riferimento per gli esperti di settore, e non solo, grazie ad un impegno costante per la qualità. La cura da sempre poste nel seguire i vigneti ed il lavoro in cantina, sono state lo stimolo per continue innovazioni e per confrontarsi con varietà autoctone ed internazionali, dando vita a vini differenti ma contraddistinti dallo stesso stile artigianale, frutto di un legame indissolubile tra vigna, terroir e lavoro dell’uomo. Il Rosato Santa Cristina esprime l’armonia e l’equilibrio del territorio toscano attraverso la fragranza del frutto.